NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

giovedì 26 settembre 2013

FESTIVAL DEL DIRITTO

Ciao a tutti e a tutte.
Anche quest'anno la città di Piacenza ospita il suo Festival del Diritto, e anche quest'anno siamo riusciti a ritagliarci uno spazio all'interno del programma partecipato.
Nel caso vi fosse sfuggito, il nostro intervento è confermato per il giorno 28 settembre alle ore 16.00, presso l'Auditorium di S.Maria della Pace (Via Scalabrini 19, sempre a Piacenza).

L'incontro di quest'anno si intitola  "OMOFOBIA: QUANDO LA DISCRIMINAZIONE MINA LA DEMOCRAZIA", e interverranno

DOMENICO ALFARONE (filosofo), MARIA GIOVANNA CAMMI (psicologa), MASSIMO CLARA (avvocato), YURI GUAIANA (segretario dell'ass. Certi Diritti), RITA MURA (referente AGEDO), VALERIANO SCASSA (pres. L.'A.T.OMO.)

Come altre forme di discriminazione, anche l’omofobia rappresenta un ostacolo alla democratica coesione sociale. Arcigay L.’A.T.OMO propone un incontro per discutere delle problematiche sociali e giuridiche legate al mancato inquadramento dell’omofobia, e dei mezzi che sono attualmente a disposizione per contrastarla, anche attraverso l’esempio di alcune amministrazioni locali.
Non mancate e spargete la voce.

mercoledì 25 settembre 2013

RAINBOW PARTY CONTRO L'OMOFOBIA E LA TRANSFOBIA

Ciao a  tutti e a utte.
Come forse sapre te negli ultimi mesi la discussione attorno al tema dell'omofobia è tornata calda, anche a seguito della discussione di una legge che sta mettendo in luce - per l'ennesima volta - i limiti della situazione italiana. Siccome non ci andava di starcene a guardare siamo stati ben felici di partecipare al RAINBOW PARTY contro l'omofobia e la transfobia che ci sarà a partire dalle ore 19.00 di lunedì 30 settembre presso il Teatro Trieste 34 (in Via Trieste 24 a Piacenza).
Il programma della serata include un buffet a offerta libera, un mini talk show (a partire dalle 20,30) per conoscere meglio le associazioni che portano avanti la questione dei diritti LGBT a Piacenza (Arcigay, Agedo, Lila e con la novità assoluta di una rappresentanza delle Famiglie Arcobaleno) e dalle ore 21.30 alle ore 23,30 circa musica da a scoltare e da ballare con i migliori artisti gay dichiarati da tutto il mondo.
Non mancate e spargete la voce!

mercoledì 18 settembre 2013

SISTEMAZIONE STUDENTI GAY E UNIVERSITÀ CATTOLICA DI PIACENZA

Salve a tutti e a tutte.
Anche questo autunno le scuole riaprono le porte, Università comprese. Alcune e-mail che ci sono arrivate di recente ci hanno fatto notare che finora abbiamo sottovalutato una problematica molto specifica della nostra città, e relativa alla nostra (unica) Università, ma che potrebbero riguardare - in minor misura - anche il distaccamento del Politecnico di Milano.
Poichè l'Università Cattolica, per ovvi motivi, non favorisce la visibilità e/o l'aggregazione degli studenti omosessuali, che pure sono numerosi anche in questo Ateneo, ne conseguono diverse situazioni non proprio all'avanguardia, anche a livello pratico. In quasi 10 anni di presenza della nostra associazione in questa città, ad esempio, abbiamo avuto solo tre casi di studenti universitari che hanno osato "avvicinarsi" o chiedere informazioni: probabilmente gli altri avevano troppa paura di essere scoperti e compromettere la loro carriera universitaria. Questo clima, evidentemente, non favorisce una visibilità che - in altre Università, soprattutto all'estero (dove di norma ci sono associazioni studentesche lgbt e sportelli lgbt gestiti dalle Università stesse) - è più scontata.
Una delle prime conseguenze pratiche è che se uno studente gay arriva a Piacenza e cerca un appartamento in coabitazione con altri gay o con persone aperte di mente, per non correre rischi e sentirsi più libero di vivere la sua vita, non può certo scrivere un annuncio esplicito sulle bacheche dell'Università Cattolica, o magari su qualche rivista di annunci. Finora il problema è stato relativo, ma con la crisi economica degli ultimi tempi deve essersi acuito, perlomeno a giudicare dalle e-mail che ci sono arrivate. Quindi abbiamo pensato che se siete studenti gay (o gay friendly) e cercate compagni di stanza o di appartamento gay (o gay friendly) e non sapete come mettervi in contatto, forse possiamo darvi una mano noi.
Mandateci una e-mail e proveremo a farvi da tramite per trovare ragazzi e/o ragazze che hanno la vostra stessa esigenza, e con cui potrete cercare una sistemazione.
Se poi, intanto che rimanete a Piacenza, vorrete anche provare a frequentare la nostra associazione a noi farà solo piacere.

lunedì 16 settembre 2013

RASSEGNA STAMPA

Salve a tutti e a tutte.
Il 10 settembre il quotidiano LIBERTÀ ha pubblicato un lungo intervento della locale Segreteria di Rifondazione Comunista, che ha voluto dire la sua sulla questione del dibattito della legge contro l'omofobia in Parlamento.
É un po' lunga, ma ve la riportiamo integralmente qui di seguito.




Prendiamo atto che Rifondazione Comunista è stata l'unica formazione politica della nostra provincia a prendere ufficialmente posizione riguardo a tutta la questione. L'unico motivo per cui non la ringraziamo pubblicamente è perchè, se lo facessimo, faremmo passare il messaggio che il suo è stato un gesto straordinario, quando non dovrebbe affatto esserlo.
Tutte le formazioni politiche di un paese civile, ancor più quelle progressiste, dovrebbero tutelare una legge che è finalizzata a tutelare una minoranza discriminata, anche con interventi sui giornali.
Il fatto che Rifondazione Comunista sia intervenuta, quindi, non è straordinario.
Il problema è il silenzio degli altri, soprattutto se attualmente rappresentano formazioni politiche più influenti in Parlamento.

lunedì 9 settembre 2013

RASSEGNA STAMPA AGOSTO e oltre

Ciao a tutti e a tutte.
La stagione estiva entra nella fase finale ed è tempo di tornare operativi, anche perchè le cose da fare sono tante. Tuttavia, durante l'estate, noi non siamo rimasti inattivi: i nostri banchetti informativi sono stati una presenza quasi costante presso i sabati della discoteca Chikos, e abbiamo continuato a portare avante dei progetti interessanti che - speriamo - vedranno la luce a breve. Tuttavia abbiamo vigilato anche sugli interventi del quotidiano LIBERTÀ, che anche in pieno agosto non ha certo lesinato lo spazio a quanti avevano qualcosa da dire CONTRO un ampliamento della tutela legale dei cittadini LGBT (lesbiche, gay, bisex, transgender) italiani. In alcuni casi si tratta di veri e propri papiri, ma vi invitiamo a leggerli ugualmente, per farvi un'idea più precisa di come la pensano (e di cosa pensano) le persone che si stanno impegnando per NON consentire un avanzamento dei diritti civili nel nostro paese.
Per ingrandire gli articoli vi basta cliccarci sopra.
Cominciamo da un'intervista all'infaticabile Livio Podrecca, pubblicata il 4 agosto.
Evidentemente l'autore di questa lettera pensava di avere ancora molto altro da dire, infatti ha avuto uno spazio molto più ampio, su LIBERTÀ del 28 agosto.




Poco dopo ecco intervenire anche un altro nome storico dei detrattori della causa LGBT nella nostra provincia, l'On. Massimo Polledri, secondo cui i recenti casi di suicidi e/o tentativi di suicidi fra ragazzini omosessuali che hanno dichiarato di farla finita a causa di un contesto omofobo, sarebbero stati in realtà motivati da dei problemi psicologici/psichiatrici a monte, perchè l'omofobia - secondo lui - non è in realtà il vero problema...
Considerando che, oltre ad essere Onorevole, è anche un neuropsichiatra infantile, probabilmente questo intervento si commenta da solo.
E chiudiamo in bellezza con un nuovo articolo del Forum delle famiglie (cattoliche), comparso su LIBERTÀ il 6 settembre.
Più che elencare i numerosi spropositi e le ancor più numerose inesattezze che strabordano da questa rassegna stampa, ci premeva far notare che quest'estate gli interventi di questo tipo sono stati una decina, e tutti erano finalizzati a dimostrare che era in corso una sorta di isteria gay finalizzata a reprimere le voci di dissenso.
In questa sede ci limitiamo a notare che, dal nostro punto di vista, in questi mesi di isteria su LIBERTÀ se n'è vista davvero tanta, ma NON da parte di chi era favorevole alla causa gay.