NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

lunedì 9 febbraio 2009

I VIDEO DELLA SETTIMANA

Ciao a tutti e a tutte.
Anche se non aggiorniamo da qualche settimana questo BLOG siamo vivi e in salute. Da oggi, comunque, riprendono gli aggiornamenti del lunedì, accompagnati da eventuali annunci infrasettimanali. Essendo noi un'associazione che opera - paradossalmente - in una realtà molto difficile (nonostante la collocazione geografica) questo è in effetti uno spazio importante, che ci impegneremo a valorizzare di più.
Parola.
Anzi, in quanto presidente dell'associazione e gestore di questo blog mi vorrei scusare personalmente per averlo trascurato, ma in questo ultimo periodo ho avuto la necessità prima di tutto di inquadrare meglio la nostra assoziazione nel suo complesso, e in questa operazione diciamo che il blog non era una priorità.
Dopo quasi due anni di presidenza potrei scrivere un libro sulle difficoltà gestionali di un'associazione GLBT in un contesto provinciale italiano e sulle frustranti dinamiche del contesto piacentino in particolare, ma strada facendo mi sono reso sempre più conto che - nonostante le apparenze - siamo un'associazione che ha un ruolo estremamente importante, soprattutto nell'attuale congiunzione socio-culturale della nostra nazione (e della nostra realtà provinciale, che è molto più complessa - e a tratti inquietante - di quel che sembra). A questo proposito vi lascio con un video riguardante uno dei tanti dibattiti televisivi che si stanno susseguendo nella televisione italiana a seguito dell'annunciato brano Sanremese del cantante Povia, che parlerà di come un gay ha scoperto che eterosessuale è meglio. Questo è tratto da LA VITA IN DIRETTA di Raiuno.



E c'è stato anche un seguito qualche giorno dopo con Alessandro Cecchi Paone che ha perso le staffe, di cui vi diamo un riassunto.

Io avrei fatto intervenire anche qualche omosessuale meno suscettibile, ma in effetti non è che nel nostro paese ci sia una scelta molto ampia.

Nessun commento: