NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

martedì 20 maggio 2008

I VIDEO DELLA SETTIMANA

E' una storia vecchia come il mondo: quando la gente ha dei problemi cerca il modo di sfogare la sua frustrazione. Recentemente un campo rom è stato raso al suolo e dato alle fiamme a Ponticelli vicino a Napoli, per un presunto tentativo di rapimento di un neonato da parte di una giovane ROM. Se il gesto è stato effettivamente compiuto meritava sicuramente di essere punito, ma c'era davvero bisogno di arrivare a questo?


E soprattutto: perchè la gente non si coalizza mai per punire i poteri forti come la malavita organizzata e i politici disonesti? Semplice: perchè sa che in quel caso correrebbe dei rischi, visto che i politici e i malavitosi rappresentano un pericolo ben maggiore di qualsiasi comunità ROM. La triste verità è che quando in una società alberga il malessere ha bisogno di prendersela con qualcuno...Possibilmente qualcuno di più debole...E non appena ha un piccolo pretesto scatena la sua rabbia repressa, e viene ufficiosamente approvata dalle autorità (anche attraverso le forze dell'ordine, che invece di fermare la folla la proteggono nei suoi gesti violenti), anche se ufficialmente disconoscono questo tipo di cose. Oltretutto ora che la gente sa di avere alle spalle un governo relativamente accondiscendente verso l'epurazione di certi elementi di disturbo, invece di cercare di avvicinarli per tentare un confronto costruttivo preferisce reprimerli nel sangue. Detto ciò, questo clima si sta riflettendo anche su altre categorie...Il seguente servizio del TG1 di ieri, ad esempio, è abbastanza inquietante...

Ci sarebbero da dire tante cose: sul tono del servizio, su come vengono dipinti i transessuali, su come la gente li voleva linciare (quando magari fra la folla inferocita c'erano anche dei loro clienti) e su come vengono trattati dalle forze dell'ordine...Il movimento italiano transessuali ha proposto di indire uno sciopero simbolico il 24 maggio, non guardando alcun programma di RAI UNO. Peccato che servirà a ben poco...Qui di seguito aggiungo anche due riprese amatoriali dello stesso evento.


Giudicate un po' voi la piega che stanno prendendo le cose...Se è vero che la storia insegna eventi di questo tipo non preludono a niente di buono.

Nessun commento: