NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

martedì 25 marzo 2008

LA LETTERA DI OGGI

Qualche settimana fa avevo parlato su questo blog dell'increscioso episodio capitato al nostro prode segretario mentre cercava di piazzare i nostri volantini in un ristorante spagnolo di Piacenza, quando si era sentito dire che non erano interessati perchè a loro "piaceva la figa". Oggi controllando nella posta elettronica dell'associazione mi ritrovo questa e-mail:

"Holà! sono la titolare di un ristorante spagnolo sul lago di Garda ...e mi e' venuta
una mezza sincope leggendo per caso l'articolo sulla discriminazione spagnola a
piacenza, riflettendo sull'argomento
Sono italo spagnola e vedendo scritto OLE' distrattamente credevo si parlasse del
mio locale...sappiate e ve lo dice una spagnola che la reazione "mi piace la figa"
usciva, a mio parere dalla bocca di un uomo ignorante che non dovrebbe scegliere o
giudicare l'identita' sessuale dei clienti del proprio locale. Ovviamente parlo
confrontando alla mia esperienza: se fossi chiusa mentalmente non avrei avuto alcuni
tra i miei camerieri migliori e perderei una buona fetta dei miei clienti piu'
simpatici.
Se doveste distribuire i volantini...passate pure dall'Olè a Padenghe sul Garda, Bs...
Hasta pronto!
Dacia"

Direi che questa e-mail si commenta da sola.
Cara Dacia, intanto grazie mille per il sostegno morale e per la simpatia. Il problema di Piacenza è che è molto più chiusa di Brescia, e penso che anche i ristoranti spagnoli seguano il trend generale. Personalmente non conosco i gestori del ristorante di Piacenza, e nemmeno il personale. Non so nemmeno se questo locale abbia o no dei clienti o dei camerieri gay (e sicuramente li ha), ma qualcosa mi dice che se li ha stanno ben attenti a non farsi riconoscere...Purtroppo i gay piacentini sono più complessati di quelli bresciani e te lo posso dire perchè ho avuto modo di conoscere bene anche la zona di Brescia. Comunque già il fatto che tu sia arrivata a conoscere il nostro blog e ti sia sentita in dovere di difendere la categoria dei ristoratori spagnoli la dice lunga. Se a Piacenza non si rendono conto che persino i ristoranti spagnoli riescono a farsi commiserare dai loro colleghi delle città vicine peggio per loro. La nostra piccola associazione esiste anche per cercare di migliorare situazioni come questa. Purtroppo non avrebbe molto senso portare i nostri volantini da te, ma visto che sei così gentile e simpatica magari ti verremo a trovare prossimamente. Almeno sapremo che da te siamo i benvenuti anche se siamo tutti felicemente gay.
Grazie ancora e a presto.

Nessun commento: