NEWSLETTER!

Inserisci qui sotto la tua e-mail e sarai sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Inserisci QUI SOTTO la tua e-mail e riceverai tutti i nostri aggiornamenti!

mercoledì 28 novembre 2007

IL GIALLO DEI MANIFESTI SCOMPARSI

Come saprete se avete letto i post precedenti oggi era prevista la conferenza in cui avremmo dovuto presentare la massiccia campagna di promozione del test HIV pianificata in tutti i capoluoghi dell'Emilia Romagna dal coordinamento regionale di ARCIGAY, se non che...Se non che il sottoscritto presidente è andato a presentare il nulla. Mi spiego meglio. Ieri ho realizzato che era il 27 e mi è venuto lo scrupolo di controllare dove e come i suddetti manifesti fossero stati affissi. Dopo aver girato mezza città non ne avevo visto nemmeno uno, e considerando che questi manifesti erano 100 era statisticamente impossibile. Giro di telefonate: nessuno aveva visto nulla. Stamattina chiamo il coordinatore arcigay dell'Emilia Romagna che mi ha confermato che erano stati spediti da Bologna e che nelle altre città erano affissi dal 23 novembre. Chiamo l'ufficio affissioni di Piacenza che *MAGIA* cadeva dal pero e non ne sapeva nulla. Giro di chiamate all'Arcigay di Bologna che ha fatto tutti gli accertamenti del caso e questa è la situazione: 1) Stando ai bolognesi i manifesti a Piacenza sono arrivati (addirittura il 16 di novembre!), come attesta la ricevuta del corriere. 2) L'ufficio affissioni sostiene di averli persi (100 manifesti di 1 m per 70 cm???) e che, anche ammesso che saltino fuori, non potrebbero essere affissi per il 1° Dicembre visto che ora non c'è più posto. Piccola considerazione: se comunque quegli spazi per questi giorni erano stati già pagati da noi vuol dire - nella migliore delle ipotesi - che l'ufficio affissioni li ha dati a qualcun altro incassando due prenotazioni. Nel mio giro di ieri, però, ho visto che c'erano in giro ancora dei manifesti elettorali di quest'estate e SINCERAMENTE la giustificazione del posto non c'è non sta molto in piedi. Qui c'è qualcosa che non torna. Comunque con l'ARCIGAY nazionale siamo rimasti d'accordo che se entro i primi di dicembre non salteranno fuori li reinvieranno per una campagna post 1° Dicembre...Magra consolazione, e soprattutto ennesima dimostrazione che a Piacenza c'è molto, ma proprio molto, da fare! Voglio dire: una campagna per promuovere il test HIV non può essere persa in questo modo! A meno che veramente non sia considerata superflua, e se così fosse sarebbe davvero grave. Morale della favola: a Piacenza abbiamo fatto la figura delle polpette per l'ennesima volta, io l'ho detto in conferenza oggi e speriamo che venga riportato dai giornali domani. Cambiando argomento: un mio intervento è stato pubblicato nello "SPECIALE FAMIGLIA" del quotidiano LA CRONACA, domani lo scannerizzo e lo posto sul blog per chi se lo fosse perso. In ogni caso terremo aggiornati sullo sviluppo di questo giallo surreale.
P.S. Oggi ho scoperto che la città di Piacenza è al 7° posto in Italia per numero di contagiati in rapporto al numero di cittadini...E intanto l'ufficio affissioni perde una campagna per promuovere il test HIV...

Nessun commento: